Dibattito pubblico
Sabato, 16/12/2017, 12:19
Welcome Visitatore | RSS
 
Main LA VOCE DEGLI AFFIDATARI - ForumRegistrationLogin
[ New messages · Members · Forum rules · Search · RSS ]
Page 1 of 11
Forum » REATI DI TRIBUNALI MINORILI E CIVILI, SERVIZI SOCIALI E ALTRE ISTITUZIONI » DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE CON TRIBUNALI MINORILI E SERVIZI SOCIALI » LA VOCE DEGLI AFFIDATARI
LA VOCE DEGLI AFFIDATARI
dibattitopubblDate: Lunedì, 11/05/2009, 19:54 | Message # 1
Admin
Group: Amministratori
Messages: 782
Status: Offline
Racconto di una famiglia affidataria

Omero Faggionato, ANACRUSI - associazione di promozione sociale, http://www.anacrusi.org, 0444927611 – 3384296616

Una giudice onoraria, da noi incontrata, nei mesi scorsi, ricoprente
contestualmente i ruoli di docente universitaria, consulente presso l'ordine
delle a.s., nonché curiosamente, presidente di una comunità per minori, ha
detto che porterà la storia che riportiamo in seguito, agli studenti del terzo
corso, quale esempio da non seguire. Ci auguriamo che possa essere un monito
per tutti.
Ogni genere di abuso trova nel silenzio il miglior alleato ...Ecco
perché abbiamo scelto di romperlo.. ......non chiediamoci perchè solo una
famiglia affidataria su cinque è disposta a rifare affido dopo una prima
esperienza.... ..molte..... ......troppe, sono le famiglie affidatarie gettate
nel silenzio e nella mortificazione che, hanno preferito dimenticare ..a loro
pensiamo nel raccontare la nostra esperienza.
La bambina ci è stata affidata dal servizio affidi del comune di Vicenza, nel 2002, con un progetto di lunga durata: almeno otto anni, ovvero, fino al compimento della scuola dell'obbligo. Quando varcò per la prima volta la soglia di casa nostra, l'assistente sociale che l'accompagnava, esordì dicendo: Omero, ha notato come le somiglia?.... vedrà presto la chiamerà papà. Era una bimba esile, tutta occhi e capelli saltava da una sedia all'altra e cantava “fratelli di taglia”.
La prima sera, vomitò. E' un'immagine che non ci toglieremo mai dagli occhi Ci
era stata presentata come una bimba affettuosa, sempre alla ricerca del centro
dell'attenzione, vivace, anche se caratterizzata da un lieve deficit
cognitivo, che peraltro percorre tutti i componenti della famiglia così come
si evince dal progetto stilato dagli operatori. Il papà era mancato da pochi
mesi lasciando la madre sola ed incapace di affrontare la quotidianità. Quel
vomito era la manifestazione del suo malessere: non aveva la sua mamma con se.
Giovanna si era proposta di affiancare la madre dalle faccende domestiche
all'uscita per un gelato con le bimbe. Rimase però inascoltata. L'idea di
tenere insieme madre e figlie era nelle nostre corde e vedevamo nel rientro in
famiglia della bambina il più naturale degli obiettivi. D'altronde cos'altro è
l'affido se non un aiuto a superare una momentanea difficoltà che, dopotutto
può riguardare ognuno di noi Giovanna ed io, avevamo da poche settimane
concluso il corso di adozione. Avevamo però scelto di non darvi seguito,
perchè al nostro orizzonte c'era lei, che ancora non avevamo conosciuto.
Durante i primi mesi la mamma e la sorella incontravano la bambina, il sabato
mattina, da noi. Facevano colazione, uscivano insieme, per poi rientrare nel
tardo pomeriggio. La bimba era caratterizzata da dei tratti fortemente
oppositivi ed un comportamento spesso provocatorio. Da noi, per quattro anni,
sono volate spesso sedie e stoviglie. Secondo l'analisi degli operatori tale
atteggiamento era indotto dall'incapacità di tollerare i comportamenti tipici
del modello familiare...... forse, aveva solo bisogno di stare con la sua
mamma. Dopo poche settimane, la sorella conobbe l'esperienza della comunità,
al compimento del dodicesimo anno, in seguito ad un episodio, sul quale, mai,
è stata fatta luce. L'educatrice della sorella, ci confidò che le stavano
somministrando psicofarmaci (la comunità che l'accoglie è autorizzata alla
sperimentazione di fali farmaci dal 1994). Quando gridammo allo scandalo,
improvvisamente, l'educatrice scomparve e fu sostituita da una collega che
naturalmente ci evitò con cura. La sorella era mite e remissiva. La bimba, da
noi accolta, era stata allontanata perchè i suoi tratti oppositivi,
costituivano un impedimento alla relazione fra le due. Quando la sorella
iniziò a battere i piedi perchè voleva la mamma, fu passata per psicofarmaci.
Nel frattempo la sorellina che stava con noi, veniva contenuta a terra da
Giovanna, quando i suoi scatti d'ira non erano altrimenti controllabili. La
bimba in cinque anni non ha mai preso una sola aspirina. Le manifestazioni
rabbiose della bambina continuavano a caratterizzare le nostre serate, in
particolar modo nei giorni precedenti l'incontro con la mamma. Sentimenti
quali la solitudine, il fallimento nei confronti della bimba, accompagnati da
una grande stanchezza cominciavano a farsi strada, in noi. Quando noi
riportavamo ciò, nel corso degli incontri agli operatori, questi ultimi ci
dicevano che sapevamo a cosa andavamo incontro facendo affido. Le richieste
continue di vedere la mamma, di chiamarla al telefono, apparivano a noi più
che legittime. La negazione che a tali richieste, nostro malgrado, seguiva, ci
procurava una grande frustrazione.... Avevamo rinunciato all'adozione per
svolgere il nostro ruolo di “collante” nel percorso di affido, e ci
ritrovavamo, invece, ad essere complici in un processo che divideva.
Durante gli incontri periodici gli operatori mettevano in luce aspetti riguardanti gli stili di vita della famiglia d'origine, con la sola finalità di farcela
apparire inadeguata, giungendo, a volte a deriderne taluni suoi componenti.
Nonostante il nostro senso di frustrazione fosse palpabile, il progetto
conobbe vari rinnovi.
....ma qual cosa stava cambiando.... la bimba
stava iniziando ad intrecciare relazioni amicali con taluni compagni di classe
e mentre un tempo, preferiva i contatti con gli adulti, iniziava , ora, ad
uscire il pomeriggio, a giocare con le bimbe dei vicini. Il suo rendimento
scolastico andava decisamente migliorando, destando la meraviglia di tutte le
insegnanti. Acquisiva nuove abilità, a lei sconosciute che poi trasferiva
nell'esperienza scolastica Si iniziava a stare a tavola, tutti insieme,
amabilmente a conversare. In quei momenti la bambina era speciale, in modo
particolare quando c'erano ospiti. Sono innumerevoli le circostanze che
potremmo ricordare, in cui ricevevamo complimenti e felicitazioni per la sua
prontezza. I vicini , di lei, apprezzavano i bei modi gentili. Aveva un
saluto per tutti. Ci divertiva molto sentirla scimmiottare espressioni colte
da noi. Insomma, tutto il vicinato le voleva bene. Piano piano aveva
cominciato ad andare a scuola da sola. La mandavamo anche a fare, quindi,
qualche piccola commissione, e l'indomani chi l'aveva incontrata aveva
qualcosa di carino da raccontarci. La domenica andava a messa con la nonna
Paola, con la quale aveva un rapporto speciale: era lei che le preparava il
panino tutti i pomeriggi, da lei scendeva per vedere la televisione che noi
non abbiamo. Con lei faceva delle grandi chiacchierate. Le raccontava del
papà, della sorella, della mamma e dei nonni.
Con l'approssimarsi della solennità della Prima Comunione, la bambina, come tutti i suoi compagni nutriva grandi aspettative per quel giorno. Tutti non facevano che ripetere
che lo avrebbero vissuto in modo speciale. Sarebbero andati chi in campagna,
chi in un lussuoso ristorante, chi al mare e così via. Lei manifestò, così, il
desiderio di avere per quel tanto importante, la presenza della mamma, della
sorella e dei nonni. Ci facemmo così interpreti dei suoi desideri, e girammo
la richiesta ai servizi sociali un mese prima della solennità. La risposta non
arrivava nonostante le nostre rinnovate richieste. La bambina, era inquieta;
sapeva che la decisione non spettava a noi. Arrivammo così alla vigilia. Lei
ci disse: mi basta un panino al bar, ma con la mamma, mia sorella ed i nonni.
Chiamammo, cosi, per l'ennesima volta l'assistente sociale. La loro presenza
fu consentita nello spazio temporale della cerimonia in chiesa. Poi una foto
ed ognuno a casa propria. Mi ritrovai così a consolare il nonno piangente sul
sagrato. La giornata che appariva compromessa divenne invece motivo di gioia,
dopo aver individuato all'ultimo momento un'idea felice per trascorrerla.
Il giorno successivo manifestammo con fermezza il nostro disappunto per quella scelta adottata dai servizi. Da quel momento diventammo inadeguati. La
denuncia della somministrazione di psicofarmaci alla sorella e quest'ultimo
episodio ci fecero apparire agli occhi degli operatori non più rispondenti
alle loro aspettative. Da quel momento l'assistente sociale ci negò il saluto.
... più avanti pagheremo lo scotto delle nostre prese di posizione
Quell'episodio rappresentò per la bambina un momento chiave. Da quel momento fece un ulteriore grande passo avanti grazie alla complicità che si era
instaurata. C 'erano ancora quei momenti ma andavano scemando, e quando
accadevano, dopo una lotta corpo a corpo a terra con mamma Giovanna il tutto
finiva in un pianto ristoratore. Ultimamente si ritrovavano entrambi a
piangere abbracciate. Poi la bimba chiedeva scusa.
Alle soglie della pubertà, io e Giovanna iniziammo ad interrogarci sulle nostre capacità di affrontare l'adolescenza della bambina. Saremmo stati in grado di fronteggiare da soli quella delicata fase? Ci inquietava ma allo stesso tempo, sapevamo di voler continuare ad essere per lei una presenza costante nel tempo. Dopotutto noi eravamo diventati mamma Giovanna e papà Omero, così come peraltro gli operatori avevano auspicato redigendo il progetto per la bimba.
Vedevamo nell'inserimento della bambina presso una comunità, con il rientro nei fine settimana, e durante le vacanze, la più idonea delle soluzioni. Esponemmo, quindi, la nostra riflessione agli operatori che, approvarono.
Questa delicata fase sarebbe iniziata gradualmente, per andare a regime dopo qualche mese.
Quando a Gennaio del 2007, in dirittura d'arrivo dell'anno scolastico (la
bimba frequentava la quinta elementare presso le scuole di Laghetto-Vicenza),
ancora non c'era all'orizzonte una via percorribile, iniziammo a preoccuparci.
Quanto più si avvicinava la fine dell'anno scolastico tanto più
l'allontanamento sarebbe stato vissuto come uno strappo....... Quei mesi
volarono. La bambina fece il suo primo incontro con la comunità il 14 giugno ed il 15 vi entrò, senza più uscirne. Uscì di casa la mattina del 15 giugno
stringendo in pugno, la coroncina che la nonna Paola le aveva messo tra le
mani e, con un angioletto appeso al collo, che mamma Giovanna aveva comprato pochi giorni prima. Un secondo angioletto, uguale, se lo appese al collo Giovanna. In questo modo , il dolore per la lontananza, sarebbe stato
affievolito. Quella mattina, c'eravamo tutti ad accompagnare la bambina a
Calvene, in comunità. C'erano anche Marcello, Gianmaria in carrozzella ed i
cani Lussi e Figaro. Quando fu il momento di lasciarci, lei scompigliò i
capelli di Gianmaria, così come aveva visto fare la nonna Paola per cinque
anni.
In questi nove lunghi mesi abbiamo visto la bambina una sola volta, per
un'ora: il 2 agosto, presso i servizi sociali di Vicenza. Improvvisamente i
ruoli si invertirono: gli esclusi non erano più i nonni e la mamma, ma noi. Su
di noi scese la notte. Quando chiamavamo i servizi per avere notizie della
bimba, ci dicevano che stava bene e non chiedeva di noi. Tutti gli operatori
avevano sempre affermato che non ci sarebbe mai stato rientro in famiglia di
origine per la bimba. La dottoressa Moro, in carica fino al 30 agosto, lo
aveva anche gridato sulle scale il 14 giugno: Omero, toglitelo dalla testa.
Quella bambina non rientrerà mai con la madre. Dietro l'angolo c'era e c'è
tuttora per la bimba l'istituzionalizzazione. Sono state vietate le visite
anche alle compagne di classe, per mesi. Quando la mamma di una delle compagne si presentò in comunità, con due di loro, per incontrare la bimba, si sentì rispondere da Don Gobbo, referente della comunità, che la bimba non c'era, trascorreva i fine settimana in una località segreta, mortificando il
desiderio della signora a ritornarvi. Nell'occasione di uno degli incontri con
la psicoterapeuta, la bimba aveva nel frattempo, scritto un biglietto, con la
richiesta di farcelo pervenire. Quel biglietto fu poi, invece trattenuto per
giorni e giorni, dalla dottoressa Castegnaro. La stessa si affrettò a
portarcelo, personalmente, quando la informammo che ne eravamo a conoscenza.
Pochi giorni dopo ricevemmo una cartolina, scritta dalla bimba nella quale
scriveva: Voglio tornare a casa perchè non posso stare senza di voi. Presi
dallo sconforto telefonammo ai nonni, che non ci avevano mai nascosta la loro
gratitudine. Con loro avevamo vissuto un momento di intensa commozione, pochi giorni prima dello strappo. Notammo, però, fin da subito che ci erano
diventati ostili. Con l'inizio della scuola si aprì per noi la sola possibilità
di vedere la bimba: piazzarci lungo il percorso del pulmino nel tentativo di
catturare il suo sguardo. Dopo pochi giorni, quando gli operatori vennero a
conoscenza delle nostre iniziative intraprese, l'assistente sociale Paola
Baglioni, ci informò sull'esistenza di una lettera scritta dalla madre nella
quale manifestava la volontà che la bimba non potesse vederci. Com'era
possibile? La mamma della bimba aveva sempre tenuto con noi un atteggiamento più che cordiale. Ogni qualvolta incontrava la figlia non faceva che ripetere: saluta tutti a casa, dai un bacio a Gianmaria. Ci è stato negato di vedere la bimba anche nell'occasione delle festività natalizie. Dopo estenuanti
insistenze abbiamo ottenuto il permesso di chiamare in comunità, il giorno del
suo compleanno. Qualche giorno dopo sapremo che la bimba era paralizzata
dall'emozione, ed altrettanta ne aveva riconosciuta nella voce di Giovanna.
Dopo quella telefonata è stato un susseguirsi di affermazioni e di smentite,
di lusinghe ed infine di volgarità pur di distogliere la nostra attenzione
dalla bimba, l'assistente sociale ci ha proposto l'affido di una creatura, un
bimbo idrocefalo, di 21 settimane abbandonato dalla madre dopo il parto. Aveva appena subito un intervento. Comincia a pensarlo perchè ne ha bisogno, aveva detto a Giovanna, la Baglioni. Giovanna, già all'opera con lana e ferri, per
tessere un berrettino aveva risposto: lo sto già facendo da quando me ne hai
parlato la scorsa settimana. Due settimane dopo, la Baglioni dirà che si era
fatta prendere dall'emotività, che il bimbo era più morto che vivo, che era in
vita solo grazie all'accanimento dei soliti medici obiettori clericali, che
lei l'avrebbe lasciato alla sua sorte, che doveva subire decine di interventi,
che un medico era stato nominato tutore e che infine mai l'avrebbe affidato a
noi. Mentre due settimane prima aveva affermato che la nostra esperienza nel
mondo dell'handicap ci faceva apparire adeguati a prenderci cura di quella
povera creatura, della quale ci aveva fornito le generalità,dirà poi che non
lo siamo ne per lui, ne per altri. Avete lavorato bene fino al quarto anno
(episodio Prima Comunione); dopo di che vi siete sovrapposti agli operatori,
dimostrandovi inadeguati. Nelle settimane a cavallo dello strappo, la
dottoressa Moro, ci aveva proposto una collaborazione a Caldogno ed un'altra
poi al villaggio sos. Avevamo iniziato a fare affido prima ancora di sostenere
il consueto corso. Era stata proprio la Baglioni a catturarci nel 2001 quando
noi le avevamo chiesto un aiuto per dare un sollievo alle giovani coppie che
si trovavano a fronteggiare la nascita di un figlio portatore di handicap.. Ad
oggi, la bimba è sotto ricatto. Se ci vedrà, la mamma non la premierà....
...non si sta per sempre in comunità.. ci aveva detto la bimba il 2 agosto.
Sembra invece che Don Gobbo abbia affermato che possa essere trattenuta fino
al ventunesimo anno di età. Se dovesse rientrare in famiglia d'origine, noi
saremo i primi a gioirne. Una cosa è certa, non tollereremo che la bambina
diventi una voce di bilancio della cooperativa Radica. Così come non siamo
disposti a tollerare il comportamento indecente della dottoressa Baglioni, che
da un lato riabilita la figura della madre, dall'altro però, la deride nei
corridoi, riportando aspetti che riguardano la vita intima di quella donna.
Quando, infine, Omero incontrò casualmente i nonni, all'interno di un negozio,
del quale è cliente abituale, chiese loro spiegazioni sul loro immotivato
risentimento nei nostri confronti. Il nonno prese ad insultarlo, con epiteti
quali: scemo, disonesto, ladro di bambini, minacciando di rompergli la faccia.
Dopo un tentativo di ricondurlo alla calma, se ne andò, con la faccia “rotta
pubblicamente”. Ora, ci sembra evidente che i sentimenti espressi con tanta
virulenza dal nonno sono stati alimentati da altri ....... lo stato di
svantaggio sociale in cui si trova la bimba e la sua famiglia, cavalcato dagli
operatori del servizio affidi, non può diventare un alibi per garantire un
posto letto coperto alla cooperativa Radikà, alla quale il comune di Vicenza e
l'ulss 6 riconoscono una retta giornaliera prossima a 120 euro/giorno.
La legge 149/2001 assegna ai servizi affido il compito di facilitare il dialogo
fra la famiglia di origine e la famiglia affidataria, non di mettere l'una
contro l'altra. La legge 149/2001 nata per dare a tutti i minori in difficoltà
una famiglia, ha visto invece crescere a dismisura comunità e case famiglia,
particolarmente in Veneto dove 2 minori su 3 sono in comunità. La regione
Piemonte attraverso politiche virtuose, ha fatto precipitare in pochi anni il numero degli inserimenti in strutture. Solo un minore su tre, infatti, è
collocato in comunità. Lo stato spende oggi più di 500 milioni di euro/anno per tenere i minori lontani dai loro affetti. Il Veneto ne spende da solo 24 milioni. Sia rivalutato il ruolo della famiglia affidataria, come ha saputo fare la regione Piemonte. I bambini non possono finire nelle mani
dell'industria della solidarietà.

Ho chiesto al nuovo assessore ai s.s. di Vicenza, GIULIARI: Assessore, lei non
crede che sarebbe opportuno cominciare a chiudere qualche comunità/casa
famiglia se non vogliamo che la lotta all'istituzionalizzazione che ad ogni
convegno viene puntualmente evocata, rimanga lettera morta?.... Sig.
Faggionato, se lei avesse un figlio dipendente di una cooperativa sociale non
si preoccuperebbe che potesse perdere il posto di lavoro??....
Riporto di seguito uno stralcio di uno scritto indirizzato al Pubblico Tutore dei minori della regione Veneto. Lo faccio nella remota speranza che questo tema esca dal ghetto nel quale è coattamente relegato. ..........non disponendo della
possibilità/facilità di accesso all'informazione riconosciuta/spettante ai
titolari delle risorse destinate al settore famiglia­minori, è anche possibile
che nostre affermazioni cadano alla stregua di strafalcioni. E' un rischio che
corriamo volentieri. Fateci capire. Se riconosceremo di aver offeso qualcuno,
faremo pubblica ammenda. Don Gobbo (ex presidente CNCA del Veneto) si è
risentito perché gli ho detto che ha un'azienda cui pensare. Non è forse vero?
Oggi il privato sociale, parla inglese come un'aggressiva azienda della new
economy. Assume educatori, con contratti a termine, mercanteggia con i
dirigenti dei servizi territoriali importi delle rette, e con un po di puzza
sotto il naso snobba quelle strutture, concorrenti, che si pongono sul mercato
con condizioni troppo vantaggiose, commissiona analisi di mercato, assume neo­laureati, poco più che ventenni, con contratti a progetto, alla guida di
reparti strategici quali le relazioni esterne, risorse umane, ecc.. Riceve
elargizioni dalle fondazioni bancarie che attraverso i loro istituti operano
nei mercati finanziari emergenti, caratterizzati da assenza di welfare e reti
di tutela, lavoro minorile, quando addirittura non implicati in scambi legati
agli apparati bellici. Per contro. Sembra pensare in russo, cinese: Stanno
sotto un tetto che non è loro, mettono insieme il pranzo con la cena grazie
alle rette di comuni ed ulss, (120 euro al giorno con una copertura media di 8
minori, sono circa 30.000 euro al mese), costringono i loro educatori a
scendere in piazza per avere lo stipendio, dopo avere magari marciato a fianco
di rappresentanti sindacali contro la precarietà, la flessibilità, hanno ai
loro poggioli le bandiere arcobaleno per il disarmo, e la pace universale.
Fateci capire. Salvo poi dividere a fine anno i residui, fra i soci, perché
hanno scelto un regime fiscale che glielo consente. Fateci capire.
Contestualmente, non pongono alcun velo alle loro criticità nei confronti
dell'affido familiare, dopo essere stati attori nei piani di zona. Fateci
capire. Piani di zona/ costituzione centri per l'affido. Quali sono gli
attori? In nome di chi agiscono? Le conferenze dei sindaci, in nome di chi
agiscono? La politica locale poco o niente conosce in tema di affido.
Certamente per i 39 comuni, che sottoscrivono la delega è più comodo pagare
qualche retta, e lasciare che siano altri ad occuparsene. I cittadini lo
sanno? Chi autorizza il sindaco xxxx a sottoscrivere una cambiale in bianco a
nome di decine di migliaia di contribuenti che ne diventano ignari debitori?
Come potete parlare di lotta all'istituzionalizzazione? (Don Gobbo al tavolo,
attraverso una sua emanazione – Giudici tutelari che sono al contempo
presidenti di comunità – rete di tutori volontari costituiti prevalentemente
da operatori dei servizi territoriali – sindaci con cento e oltre tutele su di
sé ­ dirigenti dei servizi che hanno affermato di subire le iniziative
dell'ufficio da lei presieduto ­ Ancora. I medesimi dirigenti che una volta
usciti dal servizio per il quale ed in nome del quale hanno abbracciato linee
guida approcci, intendimenti, cambiano casacca ed indossano quella della nuova AZIENDA, che vanno a dirigere). Come potete, ai convegni, evocare la necessità di scelte omogenee se ciò che andava bene qui non va più bene lì, domani, semplicemente perché è cambiato il detersivo. Ribadiamo COME POTETE perché naturalmente noi ci chiamiamo fuori nonostante il Dr.xxx, la dr.ssa xxx si siano accomiatati dicendoci andate avanti con questa iniziativa dall' ALTO VALORE CIVICO.
Nel frattempo, mentre noi ci dilunghiamo in questa fastidiosa
querelle, mentre il privato sociale attraverso le varie sigle che lo
compongono lancia ai convegni proclami in nome ed a tutela dei bambini
sfortunati, proclami che paiono sempre più slogan svuotati di ogni significato
dove il solo messaggio sembra essere “le nostre comunità lavano più bianco”,
un'anonima maestra è in questo momento protagonista di una bella storia; una
storia che a dispetto della società liquida nella quale noi tutti sembriamo
essere sprofondati, lancia un raggio di luce, fra le molte ombre di cui troppi
operatori sembrano alimentarsi. Si tratta di una mamma, rimasta sola,
trovatasi all'improvviso a fronteggiare una momentanea difficoltà economica,
con un bambino in età scolare. Quante vicende analoghe, sono sotto gli occhi
di chi ha occhi per vedere, quotidianamente? Noi tutti sappiamo che oggi le
difficoltà economiche costituiscono una fra le prime cause di allontanamento
di minori dalle loro famiglie. Paradossalmente, da un lato ci si pone come
paladini difensori dei più svantaggiati, con proclami sui portali web,
dall'altro però si approcciano questi “casi” con un atteggiamento “punitivo”.
Ebbene, l'anonima maestra, lungi dal segnalare zelantemente il “caso” agli
organi preposti, ha coinvolto alcune mamme volonterose della classe, si sono
rimboccate le maniche, si sono sporcate le mani, e stanno conducendo la
sfortunata o meglio, “fortunata” mamma fuori dal tunnel. Quale miglior esempio di spontanea applicazione del principio di sussidiarietà orizzontale. Ognuna di quelle mamme, e quella maestra (che DIO LA BENEDICA), deve aver in cuor suo affermato: L'état c'est moi. Questo, se ci è concesso ricordarlo, è il
medesimo sentimento che animò Giovanna sei anni fa, quando si propose, per un affiancamento nei confronti della madre della bimba. E' lo stesso moto che sta muovendo la giunta regionale Piemonte, e la giunta comunale di Torino, che attraverso iniziative coraggiose, stanno da un lato facendo scuola, dall'altro
suscitano la levata di scudi dei dirigenti del privato sociale (leggasi la
lettera aperta della dr.ssa Cesarini del CNCM). Noi pensiamo che sia
intollerabile che temi quali la cura e la tutela di bambini, bambine, ragazzi
e ragazze continui a rappresentare una sorta di “riserva protetta”,
all'interno della quale solo distratti sindaci, operatori dei servizi
territoriali, giudici onorari, ordini professionali, agiscono indisturbati.

Omero Faggionato, ANACRUSI - associazione di promozione sociale, 0444927611 – 3384296616

 
dibattitopubblDate: Lunedì, 18/05/2009, 17:38 | Message # 2
Admin
Group: Amministratori
Messages: 782
Status: Offline
"Anche la più sciagurata delle madri rimane per ciascun bambino la miglior mamma possibile........si tratta solo di aiutarla"

Omero Faggionato

 
dibattitopubblDate: Mercoledì, 17/06/2009, 21:27 | Message # 3
Admin
Group: Amministratori
Messages: 782
Status: Offline
http://www.gennarodestefano.it/art0411.asp

"Solo per amore di Martina ci arrenderemo" - articolo a firma di Gennaro De Stefano

«Noi abbiamo subito un’ingiustizia, la piccola un grande sofferenza perché con noi aveva ritrovati la serenità», racconta Raffaella - «Ma non vogliamo riaverla a tutti i costi: se tornasse tra qualche mese, subirebbe un altro choc. Meglio che trovi subito una nuova mamma a cui dico: devi amarla così"

 
dibattitopubblDate: Venerdì, 08/01/2010, 01:39 | Message # 4
Admin
Group: Amministratori
Messages: 782
Status: Offline
http://blog.libero.it/BambinidiserieB/8238040.html

La mia esperienza:

Sono stata una mamma affidataria di una bambina di 5 anni. Da subito, ho iniziato ad accorgermi di atteggiamenti molto strani da parte della bambina. Ho denunciato prima alle assistenti sociali il caso, poi abbiamo portato la piccola da una neuropsichiatra infantile ed ha redatto una relazione, dopo 2 mesi di “osservazione”, però, non avendo noi, la Patria Potestà, per poter iniziare una vera analisi e capire meglio i messaggi della piccola, abbiamo chiesto l’autorizzazione al Tribunale dei minori. Morale: siamo stati tacciati di essere dei visionari, non abbiamo più visto la bambina, non sappiamo che fine abbia fatto e quando abbiamo denunciato il tutto alla Procura, hanno messo tutto a tacere.

Vorrei dire la mia sulle Istituzioni Italiane:

Ciò che ancora sconcerta è la prepotenza, l’arroganza, la presunzione di chi dovrebbe avere a cuore il destino di bambini, già duramente segnati dalla vita, e per di più affidati ad assistenti sociali, psicologi e giudici che fanno del potere e delle leggi l’unica ragione di esistere. Dietro al potente paravento del bene del minore sono perpretati abusi di ogni genere, non esiste possibilità di dialogo nè di mediazione. Esiste solo l’Autorità costituita dei Tribunali dei minori, con cui non è possibile alcun colloquio. La Verità è a senso unico, il decreto è l’unico credo, Dio infallibile di uomini che infallibili non sono e di cui nessuno controlla l’operato. Non è vero che i minori sono tutelati, perchè altrimenti si dovrebbe indagare su certi Istituti dove sono segnate nefandezze, perchè si dovrebbe controllare l’operato di assistenti sociali dal potere devastante e dalle croniche omissioni, perchè si dovrebbe assicurare aiuto e sostegno alle famiglie affidatarie che lo chiedono nell’interesse del minore, perchè si dovrebbe rispettare una personalità in fieri come quella di un bambino. Purtroppo il minore è solo un “incartamento”, un “fascicolo” su una pila di altri fascicoli, una pratica burocratica da sbrigare senza troppa fatica. Un “pacco” da rifilare a qualcuno purchè non si ponga troppe domande e non dia fastidio alle Autorità; l’importante è non fare richieste, non pretendere risposte, essere ossequienti e rispettosi del Potere. Bambini con genitori inesistenti, solo anagrafici, ma che mantengono la Patria Potestà; Bambini “depositati” come pacchi negli Istituti, dove non vengono “studiati” ed aiutati; Bambini senza problemi a detta dei cosiddetti esperti, che sono ingestibili quando arrivano nelle famiglie affidataria. Famiglie affidatarie allo sbaraglio, “prendete il bambino che non ha problemi” e poi chi ha mai più visto un assistente sociale od uno psicologo? Tanto il pacco è stato consegnato a destinazione. Istituti come depositi, perchè è più importante togliere il minore da un contesto famigliare pericoloso, e magari il vero pericolo è in questi Istituti, dove adulti senza controllo possono fare quello che vogliono, e se vengono scoperti sono impuniti da un reticolo di complicità e di interessi. Famiglie affidatarie senza voce in capitolo, senza personalità giuridica, senza possibilità di essere credute per quello che hanno visto, ascoltato e fatto. Non importa se si sono fatte in quattro per aiutare una piccola, non importa se hanno studiato ed analizzato i problemi, non importa se hanno amato la bambina. Quello che conta è che hanno denunciato le omissioni, gli abusi, la corruzione e le porcherie di cui sono stati testimoni. Perchè si deve credere solo alle Autorità? Chi ha costruito questa piramide di potere e di inefficienza? Perchè non può esserci la possibilità di un confronto? Perchè è stato dato tutto questo potere alle assistenti sociali? Perchè non esiste un Organo superiore di controllo sui Tribunali per i minori? Perchè non si aiutano le famiglie dei minori invece di dare sovvenzioni a pioggia negli Istituti? Sarebbe ora di togliere la polvere sotto i tappeti.
Questa email è stata mandata a tutte le più grandi testate giornalistiche, presentatori vari, Presidente della Repubblica, ecc… mi chiedo: cos’altro hanno da nascondere visto che non ho mai avuto un minimo riscontro?
Indignata!

 
amadeus96Date: Domenica, 07/03/2010, 17:51 | Message # 5
Group: Moderatori
Messages: 40
Status: Offline
C'è da restare allibiti...
Surrogati di famiglia che, frutto dello scempio (da 35 anni) operato sulla famiglia dai parassiti e dai menefreghisti "istituzionali" qui tirati in ballo, ancora reclamano una "paternità" ed una "maternità" a tempo, su minori che perdono letteralmente il senso della famiglia biologica!
...Ma quando sarà giunto il momento in cui, questi minori-"pacchi postali", finiranno di essere oggetto di questa panpsicotizzazione generalizzata, ben poco dissimile da quella sovietica, volta alla statalizzazione di tutto, famiglia compresa?
Quando cesserà questo mercanteggio di minori, cui viene rivolto l'interesse "umano", ancorché camuffato con "carità" ed "amorevolezza" spessissimo lucrosamente olezzanti di pelosità caritativa?
Certo è che, tanto i cosiddetti "giudici" (degli illegali tribunali minorili) quanto tutte le parassitarie istituzioni del corollario, non mollano l'osso: il business è troppo interessante e troppo interessati sono quelli che, dal business, traggono occupazione e reddito diretto, dandone a tantissimi altri, sotto forma di reddito indotto (fornitori di beni, servizi, professioni "inventate" cone i mediatori, gli psicologi, i c.d. "operatoti socio-sanitari", ecc.).
Non sarebbe quasi giunto il momento di abbandonare tanta malafede, talvolta sostenuta sfacciatamente (fino a negare l'evidenza dei fatti!), talvolta sostenuta in modo pressoché ingenuo o "volontario"...
Non è già, di per sé, eloquente il cosiddetto "fenoneno" del dilagantissimo disagio giovanile, spessissimo proprio di troppi ragazzi cresciuti con un'infanzia bruciata e priva di "storia" parentale, per il miserabile vezzo ed il capriccio proprio di tutti i "Soloni" del "sociale" che - oggi - fanno finta di "interrogarsi" sul "fenomeno", incolpando la "Società", quantunque siano BEN COSCI DI ESSERNE I DIRETTI e CINICI ARTEFICI'?????
Il rapporto genitoriale e filiale è UNICO ED IRRIPETIBILE per ciascun essere umano; pertanto sarebbe sacrosantamente doveroso far sì che, i figli, possano univocamente ed esclusivamente, chiamare "papà" e "mamma" i propri genitori biologici, non già i transeunti componenti dell'accozzaglia di personaggi, ai minori appioppati nel delirio di onnipotenza "giudiziario" che, dei minori, "stabilisce" la gestione più o meno cooperativizzata, ormai evidente ed attuale (tangibile) fallimento della maledetta "teoria" marxista-sessantottina, infausta madre degli aberranti e squallidi risultati dimostrati dall'attuale degrado socio-culturale.


Sergio Sanguineti

Ein Herz für Kinder!

Message edited by amadeus96 - Domenica, 07/03/2010, 18:03
 
VisitatoreDate: Lunedì, 08/03/2010, 05:18 | Message # 6
Group: Visitatori





A Amadeus

Nell'Unione Sovietica non esisteva statalizzazione della famiglia nè "di tutto", bohh... prima di scrivere assurdità deliranti, ci si informa. C'erano tanti servizi per le famiglie e la famiglia era vista come la base della società.

Era l'unico paese al mondo ove non esisteva la tratta dei bambini e ove i bambini venivano veramente tutelati. Infatti, le riforme delle leggi odierne vanno a copiare le leggi dell'ex URSS, in quanto le uniche che tutelano veramente i minori. Anche le riforme dei lager (case famiglia) vanno nella direzione di copiare i modelli dell'ex URSS, in quanto tali modelli ostacolano l'insorgere degli abusi contro bambini.

Il compito delle famiglie affidatarie è un compito importantissimo, tanti di loro aiutano veramente i bambini vittime degli abusi e/o abbandonati. E' alquanto superficiale aggredirle tutte e nominare teorie politiche che non c'entrano bel nulla.

Ci si trova davanti ad una situazione veramente compicata, e ci sarebbe da ragionare, TUTTI INSIEME, cosa va cambiato e come devono essere puniti affidatari carbefici dei bambini e/o lucratori.

Maria Rosa

 
amadeus96Date: Lunedì, 08/03/2010, 13:40 | Message # 7
Group: Moderatori
Messages: 40
Status: Offline
Possiamo dire quel che si vuole ma, al di là delle parole, restano sempre i fatti!...
Limitarsi ad estrarre dal contesto una sola affermazione per dare del cretino a chi scrive, mi sembra strumentalizzante ed aberrante: delira chi usa questi metodi, non chi, come il sottoscritto, ha alle spalle 18 anni di intensa attività scolastica, Laurea in Scienze Politiche (con indirizzo amministrativo e specializzazione con il Commerciop con L'Estero), conoscenza di tre lingue scritte e parlate, conseguimento dei vari titoli non con calci nel culo ma PER MERITO e con il massimo dei voti, non a Catanzaro, bensì a Genova, nel cui Ateneo, in diritto pubblico comparato ho dato l'esame con monografia proprio sulla (formalmente "impeccabile") costituzione sovietica, emanata nel 1923 e messa in funzione soltanto nel 1947...
Se fossero vere le "pennellate" da Lei riportate, quel Paese non si sarebbe trovato nelle condizioni in cui giunse nel 1989 ed in cui giace tuttora, né VIKA (se la ricorda, nel caso di Cogoleto?) sarebbe stata sottratta all'Italia, mediante le ben camuffate illegalità, di fronte alle quali, fu proprio l'infame tribunale dei minori di Genova a permetterne il sequestro, in cambio di interessi politici "superiori"(forniture di gas!): il tribunale minorile disse, infatti, che "l'ordine di prelevarla, non era stato dato da lui né lui aveva dato ordine ai Carabinieri di prelevarla"... CHi, allora, sequestrò quella bimba "tanto così ben trattata dalle leggi sovietiche" da non voler più tornare nei lager d'origine?????
L'Italia NON ha copiato proprio nulla dai Paesi dell'Est: semmai sono stati i comunisti italiani che, nel guazzabuglio del dopoguerra, hanno dato pennellate alla sovietica, di cui abbiamo oggi la triste esperienza delle coop e delle cooperative, oltre che dell'esproprio proletario dei figli ai padri!!!!!....
L'Italia ha fatto tesoro del Diritto Romano, quel Diritto calpestato dagli imbecilli della repubblica, quel Diritto che, nei Paesi tedeschi, ha dato origine a tutta la pandettistica su cui poggia la Gruntgesetz di Weimar e, dopo la disgrazia nazista, quella dell'attuale Repubblica Federale Tedesca!....

Evitiamo di dire scemenze per coprire il business che, TUTTI, ormai sanno esistere intorno allo sfruttamento dei minori! Evitiamo di dare del "delirante" a chi, senza timori e con cognizione di causa, sbatte la verità sul tavolo, proprio a chi non se la vyuole sentire sbattere in faccia, per il proprio lurido tornaconto!...
Dire che uno "delira" (perché è "sconmodo"), significa ad arte utilizzare la nefasta psicotizzazione verso chi combatte con dati di fatto, contro i "dissidenti", proprio come attuarono i nazisti ed i sovietici, relegando i perseguitati nei "confortevoli alberghi GULAG", a base di psicofarmaci e di elettroschock, al pari di quanto fecero i nazisti nel Reich!...
Cerchiamo di non nasconderci dietro un dito!


Sergio Sanguineti

Ein Herz für Kinder!

Message edited by amadeus96 - Lunedì, 08/03/2010, 15:21
 
VisitatoreDate: Mercoledì, 10/03/2010, 23:07 | Message # 8
Group: Visitatori





Amadeus, esproprio proletario dei figli nel unione sovietica= italiani mangiano bambini
ero sposata con un uomo da lì,sono stata ospite da suoi parenti e so dai loro raconti come si viveva e ho visto come si vive adesso,noi italiani abiamo solo da imparare e da invidiare,mio marito purtropo è morto però suo parenti mi stano aiutando,non so come farei senza di loro.Apena tribunale dei minori di genova a voluto rapire miei figli loro sono subito arivati e anno detto a giudice che si vedra con loro se viola la legge .Tutti loro dicono che periodo sovietico era un periodo molto buono che tutti loro anno avuto infanzia meraviliosa(ho visto anche le foto veramente belle)e che nel gulag andavano solo criminali.Non so perche si parla di altri paesi quando abiamo nostri problemi molto piu brutti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Mi ritorvo di dover FUGIRE via dal italia per salvare miei figli dal tribunale e asistenti sociali che li voliono imprigionare in un sudicio istituto dei pedofili!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
 
amadeus96Date: Giovedì, 11/03/2010, 03:45 | Message # 9
Group: Moderatori
Messages: 40
Status: Offline
Certo è che usate un perfetto italiano per "sparare" le fesserie inculcate anche dai comunisti italiani e, poi, fate un pasticcio con un italiano quasi incomprensibile!
Se così perfetta era ed è l'Urss, perché siete venuti in questo bel casino?
Solgenitzyn era un pazzo oppure era "montato" dagli americani? Dostojevsky era visionario pure lui?
In Europa, nella guerra dei cent'anni, se li sono mangiati pure loro i figli!
Concordo con quanto dici sulle porcate commesse dal tribunale dei minori di Genova: lo combatto da sempre e, da 14 anni, mi ha espropriato il figlio!
Che cazzo vieni a dirmi, poi, sugli istituti? Ci sono dei pedofili ma ci sono anche tanti che ci campano, campando sulla pelle dei bambini rubati, rubati al pari di quelli nelle mani delle famiglie affidatarie che dicono di aver tanto "amore" ma si tengono ben stretti i quattrini che, NOI CONTRIBUENTI ITALIANI, paghiamo con i soldi delle imposte, rubati per pagare chi ruba i figli degli altri!
Dipendesse da me, avrei già dato fuoco a tutte queste luride strutture ed a quelli che le tengono in piedi, oltretutto favorendo il lurido "affare" delle false adozioni internazionali, nelle quali, in Europa, primeggiano tanto proprio i paesi dell'Est, oltre quelli del Sudamerica.
Credi, forse, che io sia nato ieri? Credi, forse, che io abbia conosciuto queste miserabili realtà dopo che mi è stato rubato il figlio?
Son quasi 40 anni che combatto queste schifezze, proprio grazie alla mia preparazione accademica e per la lotta politica attiva, in un partito che, ovviamente, non aveva la falce e martello nel simbolo!
Se parlo, parlo per cognizione di fatti, non già per sentito dire o per "imbeccata" degli americani!...
Sveglia, compagni!...
Istruitevi meglio, leggete un po' di più di quello che vi mettono nella zucca i troppi personaggi in malafede che continuano a prendervi per il culo!...
Tutti abbiamo a cuore i nostri figli e tutti sappiamo che cosa voglia dire vivere sapendo di avere un figlio rubato, in mano a canaglie e vili speculatori!...
Ed è di questo che dobbiamo trattare, per il futuro evitando gli orrori visti dappertutto, da troppo tempo!


Sergio Sanguineti

Ein Herz für Kinder!

Message edited by amadeus96 - Giovedì, 11/03/2010, 03:55
 
dibattitopubblDate: Martedì, 16/03/2010, 21:22 | Message # 10
Admin
Group: Amministratori
Messages: 782
Status: Offline
Non è bello aggredire famiglie affidatarie che cercavano di aiutare bambini in buona fede nè parlare dell'URSS e propri gusti politici. Al di là dei sequestri dei bambini, esistono tanti bambini veramente abbandonati e abusati, figli dei malati mentali o orfani.
Per risolvere la situazione attuale creatasi ci vuole un dialogo civile tra tutte le parti, ad esclusione dei criminali e abusatori dei bambini, ovviamente.
 
MariaRosaDeHellagenDate: Mercoledì, 12/05/2010, 05:30 | Message # 11
Group: Amministratori
Messages: 459
Status: Offline
"IL CASO"

Bambini affidati, chi giudica i giudici dei minori?

Vorrei esprimere alcune mie tristi considerazioni sulla giustizia italiana, in generale, e sui Tribunali dei Minori, in particolare. Tutta l'opinione pubblica è stata testimone della sarabanda di notizie, indiscrezioni, interviste televisive e quanto di più, quando sono stati toccati alcuni magistrati coinvolti in inchieste politiche. Comune a tutti gli
interventi c'è stata la sostanziale difesa della indipendenza della magistratura. Quanto
silenzio invece ora sulle omissioni ed errori nel caso dei bambini di Gravina di Puglia. Non mi spiego perchè non sembrano emergere mai responsabilità, soprattutto quando vi sono coinvolti dei minori, spesso considerati cittadini di seconda categoria. Prendiamo, dicevo, il caso dei due bambini di Gravina di Puglia, la cui morte sembra essere stata provocata dal padre, padre che era conosciuto come un violento, di cui i bambini avevano paura, che era stato già denunciato dalla madre dei piccoli. Eppure il Tribunale non ha potuto credere ad una donna semplice, poco colta, che aveva il solo torto di cercare di difendere i figli. Qual è stato il criterio con cui i bambini sono stati affidati al padre? Perchè non si è tenuto conto del parere dei piccoli? E purtroppo questa abitudine mi sembra del tutto generalizzata. Ma, mi chiedo: i presidenti dei Tribunali non hanno mai avuto figli? Non li hanno mai ascoltati? Sono forse troppo impegnati nella loro professione per capire, conoscere ed apprezzare i ragionamenti dei bambini, magari dei loro stessi figli? E, ancora mi chiedo: questi giudici non provano mai imbarazzo per le loro scelte, anche quando emerge una palese violazione del buon senso e della giustizia? Eppure, se non ricordo male, era stato votato un referendum sulla responsabilità dei giudici: perchè allora questi giudici sono i soli a non dover mai rendere conto del proprio operato, se non all’ interno del loro sistema? Chi tutela i bambini dagli errori del Tribunale dei minori? Chi tutela i minori dalla debolezza psichica indotta dal genitore non affidatario? Chi si prende carico del controllo della situazione minorile dopo la separazione dei genitori? Chi segue psicologicamente la famiglia prima che arrivi alla separazione? Conosco, per esperienza personale, il Tribunale che ha emesso il decreto sui bambini di Gravina. Purtroppo, anni fa, ha fatto delle cose veramente assurde con il caso di una bambina prima affidatami e poi toltami. Lo stesso Tribunale, nel 1998/99 (non ricordo l’anno preciso), emise un decreto secondo cui tre fratellini, in provincia di Foggia, da molti anni lasciati in Istituto di suore (lo stesso
da dove proveniva la mia "piccola"), dall’ oggi al domani, dietro segnalazioni dell'assi-
dell ’assistente sociale, dovettero tornare dalla mamma a Milano. Risultato? Dopo circa 3 mesi (non ricordo
bene, sono passati tanti anni ...), il più piccolo scappa: lo ritrovano sulla Tangenziale di Milano alcuni agenti della Polstrada, incuriositi da questo piccolo che, da solo e con lo zaino in spalla, scappava via dalla mamma per andar da quella che lui considerava la sua vera mamma: “la suora”. Dell' episodio ne parlarono per diversi giorni il "Corriere della Sera" ed altre
testate giornalistiche. La conclusione fu che il bambino in questione tornò con suo
fratello maggiore dalle suore dove mi risulta (ma non ne sono sicura) essere ancora
oggi.

*Mamma affidataria

 
Forum » REATI DI TRIBUNALI MINORILI E CIVILI, SERVIZI SOCIALI E ALTRE ISTITUZIONI » DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE CON TRIBUNALI MINORILI E SERVIZI SOCIALI » LA VOCE DEGLI AFFIDATARI
Page 1 of 11
Search:

Copyright MyCorp © 2017