Dibattito pubblico
Venerdì, 15/12/2017, 15:15
Welcome Visitatore | RSS
 
Main STATISTICHE - ForumRegistrationLogin
[ New messages · Members · Forum rules · Search · RSS ]
Page 1 of 11
Forum » REATI DI TRIBUNALI MINORILI E CIVILI, SERVIZI SOCIALI E ALTRE ISTITUZIONI » DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE CON TRIBUNALI MINORILI E SERVIZI SOCIALI » STATISTICHE
STATISTICHE
dibattitopubblDate: Mercoledì, 12/08/2009, 04:44 | Message # 1
Admin
Group: Amministratori
Messages: 782
Status: Offline
Purtroppo, in Italia i dati relativi ai spostamenti dei minori sono segretati. Non esistono pubblici elenchi dei bambini detenuti nelle struttire di detenzione di massa (istituti, ospizi, orfanotrofi, comunità, case famiglia, strutture protette e di accoglienza), non esistono dati certi dei bambini in affidamento e adozione, non esistono dati certi e affidabili sul lavoro dei tribunali dei minori e servizi sociali. A chi e perché conviene questa situazione selvaggia e incivile???
 
MariaRosaDeHellagenDate: Lunedì, 29/03/2010, 07:14 | Message # 2
Group: Amministratori
Messages: 459
Status: Offline
Adozioni internazionali: 4mila bimbi trovano famiglia in Italia
di Nicoletta Cottone

20 gennaio 2009

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2009/01/adozioni-internazionali-giovanardi.shtml?uuid=5a57c3e6-e70f-11dd-ac56-9efb2f1d5a12&DocRulesView=Libero&correlato ( http://www.ilsole24ore.com/art....rrelato)

Il 2008 è stato l'anno record per le adozioni internazionali, con un incremento del 18% rispetto all'anno precedente. Con questi numeri l'Italia diventa il terzo paese adottante al mondo, dopo Stati Uniti e Spagna. Dal rapporto annuale della Commissione per le adozioni internazionali presentato oggi, a Palazzo Chigi, dai sottosegretari alla Presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti e Carlo Giovanardi, che è anche presidente della Commissioni adozioni internazionali, risulta che cresce il numero dei bambini stranieri adottati nel nostro paese. Nel 2008 sono stati 3.977 (2.303 maschi, 1.674 femmine) i bambini giunti in Italia dall'estero, pari al 16,3% in più rispetto all'anno precedente. L'incremento è più significativo se si considera il secondo trimestre del 2008 rispetto al 2007: +30 per cento. I piccoli adottati hanno per lo più un'età compresa fra i 5 e 9 anni (43,7%), mentre il 34,5% ha fra un anno e quattro anni; l'11,2% ha oltre dieci anni e il 10,6% meno di un anno.

I bambini arrivano da 70 Paesi del mondo. Il numero più alto di bambini stranieri, esattamente 640, arrivano dall'Ucraina. Seguono la Federazione russa (con 466 bimbi) e la Colombia (con 434). E il maggior numero di coppie che hanno adottato vivono in Lombardia (712). Seguono nella classifica Veneto (327) e Toscana (316).

Per Giovanardi, le adozioni «suscitano passione e attese» alle famiglie italiane, e «ci sono leggende metropolitane, che creano loro angoscia e confusione. Sulle adozioni non ci sono scorciatoie, né bacchette magiche. È un tema complesso, le adozioni dipendono in gran parte dai rapporti che si instaurano con i paesi di provenienza dei bambini». I paesi hanno regole e norme che vanno rispettate. Fra le novità annunciate da Giovanardi, in questi giorni arriveranno in Italia le prime 22 bambine in adozione dalla Cina, le prime adottate da coppie italiane. Nonostante, infatti, siano attivi i protocolli tra i due paesi rimangono alcuni ostacoli dettati dalla Cina. Per esempio, conta il reddito della famiglia adottante e la forma fisica. "Essere obesi - spiega il sottosegretario - é un elemento che non permette l'adozione", perché i cinesi "ritengono che chi è obeso ha un'alta propensione all'infarto". «Per noi l'adozione è un problema morale – spiega Giovanardi - Non andiamo in giro a cercare bambini per i quali sia il dubbio che abbiano una famiglia. I bambini che giungono da noi, anche nel rispetto della Convenzione dell'Aja, sono bambini abbandonati». Giovanardi ha annunciato che sono in corso contatti con alcuni paesi africani, fra i quali il Gambia e il Burkina Faso per possibili accordi sulle adozioni. Sono in corso contatti diplomatici con la Romania e la Bielorussia, da cui non giungono bimbi in adozione.

 
MariaRosaDeHellagenDate: Domenica, 18/04/2010, 07:57 | Message # 3
Group: Amministratori
Messages: 459
Status: Offline
giovedì 23 ottobre 2008

Adozione, gli enti: ´´Lo Stato spende il doppio per le famiglie biologiche´´.

http://www.dirittominorile.it/news/news.asp?id=758

11.186.250 euro il costo dello Stato per la nascita di 2.850 bambini, 5.130.000 per l´adozione internazionale dello stesso numero di minori.

Adozione, gli enti: ´´Lo Stato spende il doppio per le famiglie biologiche´´. Oggi lo Stato investe più del doppio per la nascita e la crescita di un figlio naturale rispetto all´accoglienza di un bambino tramite l´adozione internazionale. Parte da questa riflessione l´intervento di Cinzia Bernicchi, portavoce del coordinamento di Enti autorizzati "Oltre l"adozione" intervenuta al convegno "Adozione: prezioso atto d´amore", promosso da Amici dei Bambini : se ammonta a 11.186.250 euro il costo dello Stato per la nascita di 2.850 bambini, scende a 5.130.000 euro la spesa per l´adozione internazionale dello stesso numero di minori (dati Regione Lombardia). Oltretutto nel caso in cui appena il 5% dei neonati nasca con alcune complicanze l´importo a carico dello Stato aumenta di ben 2.414.000 euro. “Se è vero che le famiglie hanno a disposizione, attraverso il Servizio sanitario nazionale, ogni servizio di cui hanno bisogno - dal concepimento alla nascita dei figli -, è altrettanto vero che l´adozione internazionale dovrebbe essere considerata alla stregua delle altre forme di genitorialità e per questo sostenuta dallo Stato, così come avviene con l´adozione nazionale e quella biologica. - ha detto Bernicchi - Solo in questo modo l´adozione internazionale potrà essere riconosciuta nel suo valore sostanziale, non più come un “affare privato” della famiglia adottiva.”
© Copyright Redattore Sociale

 
MariaRosaDeHellagenDate: Martedì, 04/05/2010, 18:20 | Message # 4
Group: Amministratori
Messages: 459
Status: Offline
Mamme più povere in Italia: un milione quelle con un figlio minorenne

Sono 4,2 milioni le donne povere nel nostro paese: 1.678.000 sono madri e circa 1 milione di esse ha almeno un figlio minorenne. I dati dei rapporti di Save the children e Cittalia-Anci ricerche

Da: http://www.redattoresociale.it/DettaglioNotizie.aspx?idNews=304758

 
Forum » REATI DI TRIBUNALI MINORILI E CIVILI, SERVIZI SOCIALI E ALTRE ISTITUZIONI » DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE CON TRIBUNALI MINORILI E SERVIZI SOCIALI » STATISTICHE
Page 1 of 11
Search:

Copyright MyCorp © 2017